Barzellettiamo

Una barzelletta al giorno toglie il medico di torno

*/?>

il meteorite…

Palestina…anno 29 D.C.
In piazza, una donna, colpevole di aver venduto il proprio corpo a modici prezzi, si appresta a subire la pena comminatale per il suo gravissimo e peccaminoso comportamento.
La folla si appresta a scagliare le pietre con violenza alla povera malcapitata…quando ecco arrivare un uomo!
Barba, capelli lunghi ed un sorriso rassicurante ma severo.Il suo nome e’ Gesù!
Gesù alla folla:Fermiiii!Come osate!Siete forse voi migliori di questa donna?Dovete imparare a saper perdonare,guardate la trave che avete nel vostro occhio piuttosto che la pagliuzza nell’occhio del vostro prossimo!Forse voi non avete mai peccato?Chi di voi?Chi di voiiii? chi di voi e’ senza peccato scagli la prima pietra!.
La folla, stordita dal toccante discorso,comincia a meditare e ad abbandonare l’idea di uccidere la poverina…
quando ecco una luce nel cielo…sempre più grande e sempre più vicina…un meteorite! Il meteorite arriva ad incredibile velocità e spiattella la prostituta come se fosse un moscerino!
E Gesù guardando in cielo…:
Papà…e fatti i cazzi tuoi!!!.

Il parroco…

Il parroco di un piccolo paese festeggia il suo 25° anno di sacerdozio.
Inizia il suo discorso: “Cari compaesani, è molto difficile per un Parroco tenere un discorso che non sia di fede.
Ci sono diversi aneddoti che potrei raccontarvi, ma sapete anche voi che c’è il segreto confessionale.
Voglio solo narrarvi che, quando sono arrivato nella vostra comunità, subito mi sono domandato dove fossi finito.
Infatti, già alla mia prima confessione, arrivò un tizio che mi confessò di aver tradito la moglie prima con la cognata, poi con la nipote e di avere trasmesso ad entrambe una malattia venerea che si era preso o dalla sua segretaria o forse da un suo amico con cui aveva regolarmente dei rapporti essendo egli un bi-sex.
Insomma…sposato con regolari rapporti extraconiugali con parenti, segretaria ed amico!!!
Al chè mi sono preoccupato… e mi sono chiesto: se il buongiorno si vede dal mattino, chissà il resto della comunità !
Ma alla fine, in tutti questi anni, ho capito che il vostro paese non è poi così male e che, anzi, questa prima confessione alla fine è poi stata la sola eccezione.”
Il discorso termina con un applauso e tutti si girano intorno per cercare il Sindaco che avrebbe dovuto concludere la cerimonia, ma il Sindaco non c’è!
Aspetta, aspetta, dopo circa 20 minuti ecco che arriva; si scusa per il ritardo dovuto ad altri impegni, sale sul podio e inizia il suo discorso:
“Ricordo benissimo quando arrivò il nostro parroco poichè proprio quel giorno io ho avuto l’onore di essere il primo ad essere confessato……”